TV e Guerra – RomaFictionFest

TV e guerra
Dialogo tra Nicolai Lilin e Monica Maggioni

La guerra: quella vera, quella riprodotta, quella ricostruita. Argomento di fiction, di film, di documentari, di reportage. L’inviata Rai del Tg1, Monica Maggioni, ne parla con Nicolai Lilin, autore di Educazione siberiana e Caduta libera.

La Maggioni, lo scorso anno, aveva realizzato un documentario, Ward 54, sulla sindrome postraumatica dei soldati americani impegnati nella guerra del Golfo.

“La guerra impressiona l’immaginario della società civile – ha detto Lilin all’Adn Kronos -, le azioni belliche che accadono ogni giorno nel mondo risvegliano la paura primordiale che ogni uomo ha dentro di se’, per questo si usa spesso separare il mondo “pacifico” da quello “in guerra”. Chi conosce la guerra, chi vi ha partecipato, spesso perde l’equilibrio vitale perché non riesce più a distinguerla dalla pace. Una volta finito nel caos della guerra l’essere umano lo assorbe e lo porta addosso per tutta la vita, e diventa poi difficile accettare l’esistenza di altre forme di organizzazione sociale, convincere se stesso ad imparare a vivere la nuova vita. Questa è la maledizione che vivono molti veterani dei conflitti bellici di tutto il mondo e di tutti i tempi.”

“Con Nicolai Lilin, durante la conferenza organizzata dal RomaFictionFest – ha spiegato la Maggioni all’Adn Kronos -, cercheremo di percorrere la via che separa la realtà dalla finzione, e narrare l’estremo, la guerra, le cicatrici, gli orrori. Cercheremo di entrare nel varco tra racconto e realtà e camminare fino in quella zona remota del racconto in cui il limite si fa indistinto fino a scomparire.”

Giovedì 29 settembre – ore 17.00
RomaFictionFest
Auditorium Parco della Musica – Sala Sinopoli
Via Pietro de Coubertin, 30 – Roma
Ingresso libero fino ad esaurimento posti.
www.romafictionfest.it

No Comments

Leave A Reply