Un tappeto di boschi selvaggi

Il mondo in un cuore siberiano

Lilin_Tappeto
L’autore di Educazione siberiana mette a nudo la sua anima e le molte passioni in un’autobiografia illustrata.

Attraverso pagine di diario, appunti e immagini, Nicolai Lilin ripercorre i momenti salienti della sua vita – l’infanzia russa e il nonno, i compagni di strada, il valore della giustizia, il demone della violenza, la precoce fuga, l’approdo in Italia – e ci svela le passioni che lo abitano: i tatuaggi e la religione, il disegno e le accanite letture, le armi, l’amicizia, il perdersi nella natura.

Un libro dove ascoltiamo un uomo che ha fatto la pace con il passato nel passaggio “dal coltello alla penna”; un autore che a soli 35 anni ha già tanto vissuto ci regala un oggetto in cui perdersi fra i collage del suo immaginario, trasportati da parole e fotografie, disegni, oggetti cari, manoscritti.

Nicolai Lilin
Un tappeto di boschi selvaggi
a cura di Angelo Ponta
Rizzoli • € 28,00 • pp. 224 • 9788817083713
data di uscita: 22 ottobre 2015

 

Il mondo di ognuno di noi è fatto di particolari, piccoli e grandi, che raccogliamo percorrendo la vita. Ricordi, immagini, persone, oggetti, luoghi, odori, colori, suoni, emozioni formano il nostro modo di vedere e interpretare la realtà. La memoria degli uomini è come un caleidoscopio che in ogni secondo del tempo che passa cambia le immagini proiettate nella mente, trasformando il vissuto in esperienza, l’adesso in prima, la vita in ricordo.